17

Speciale matrimoni: pranzo di nozze sotto la pergola

Come promesso, torniamo a soffermarci su uno dei temi cult di questo periodo dell’anno, il matrimonio. Questa volta lo facciamo proponendovi un’idea per un pranzo di nozze: una tavola mariage in cui il bianco totale gioca con il verde sgargiante delle foglie di vite, e dove è proprio tale elemento decorativo preso in prestito dalla natura a fare da simbolo della location scelta per un allestimento in stile country-chic, la pergola.

As promised, we are back to elaborate one of the cult topics of this time of the year: weddings. Today we are going to suggest to you an idea for a wedding lunch: a table where total white plays with the bright green of the vine leaves, and where this decorative item borrowed from nature becomes the symbol of the venue chosen for a country-chic setting, the pergola.

Nozze sotto la pergola_1

Siamo in campagna, più precisamente nel pieno della dolcezza di climi e di paesaggi offerti dalla Toscana, cuore del nostro brand. Il contesto è bucolico, il contatto con la natura sorge spontaneo ed è avallato dai colori e dai profumi della bella stagione. Tutto è predisposto per creare l’atmosfera rilassata di un matrimonio che si vuole intimo, raccolto e all’insegna di un’informalità che agevola lo scambio fra persone, il circolo di parole e di emozioni in un giorno da ricordare.

We are in the countryside, right in the middle of the mild climates and landscapes of Tuscany, the heart of our brand. The background is bucolic, the contact with nature is spontaneous and empowered by the colours and scents of summer. Everything is ready to create the relaxed atmosphere of an intimate, cosy and informal wedding intended to facilitate communication between people, the flow of words and emotions in a day to remember.

Nozze sotto la pergola_2

Dopo la celebrazione del rito, la tavola allestita sotto la pergola attende gli sposi e gli invitati nel suo candore. È un colpo d’occhio che suscita emozione e che, per come è stato realizzato, permette di rimanere fedeli a un’essenza country senza rinunciare a una mise en place curata nel dettaglio e ricercata. Vediamo come tale effetto informale e chic è stato ottenuto:

  • scegliendo una serie di sottopiatti in boutis smerlato al posto della classica tovaglia,
  • sostituendo ai soliti calici dei set di bicchieri serigrafati con un motivo a pois,
  • escludendo stoviglie leziose o eccessivamente eleganti alla volta di semplici piatti in ceramica bianca;
  • utilizzando sedie vintage e scompagnate anziché sedute identiche;
  • indicando il posto riservato agli sposi con dei vestisedia in tessuto goffrato.

After the ceremony, the table set up under the pergola is ready to welcome the spouses and guests in its pure white This is a scene that, at a glance, awakens emotions and that, as it is, remains faithful to a country essence without giving up a detailed and elegant mise en place. Let’s see how this casual and chic effect has been achieved:

  • choosing scalloped boutis placemats set instead of the classic tablecloth,
  • replacing the usual flutes with a screen printed polka-dots pattern set,
  • avoiding precious or overly elegant crockery with simple white ceramic dishes,
  • using vintage and mismatched chairs instead of identical seats,
  • indicating the place reserved for the bride and groom with embossed chair covers.

Nozze sotto la pergola_3

Nozze sotto la pergola_4

Nozze sotto la pergola_5

Il resto lo fa lo sfavillio dei lampadari appesi ai pali della pergola, un centrotavola in foglie di vite e rose, l’aggiunta di vasi colmi di fiori bianchi da tenere con sé in ricordo di un’occasione speciale, le forme sinuose dei candelieri in ferro battuto che accompagneranno sposi, parenti e amici sul far della sera, quando la luce del giorno inizierà a smorzarsi e l’atmosfera si farà ancor più ovattata e magica. E chissà che allora non si aprano le danze, magari a piedi nudi sull’erba…

The rest is made by the sparkling of chandeliers hanging from the poles of the pergola, a centrepiece made of vine leaves and roses, vases filled with white flowers to cherish the memories of this special occasion, the sinuous shapes of candle holders in wrought iron that will brighten the evening of the newlyweds, relatives and friends when the daylight will fade and the atmosphere will become softer and magical. And who knows, maybe dances will start, maybe barefoot in the grass…

Per completare le idee relative a un matrimonio in stile shabby e country-chic, non scordate il nostro video tutorial e le nostre gift guide. Buona visione e buona lettura da Blanc Mariclò!

To complete our tips for a country and shabby-chic style wedding, do not forget our video tutorial and our gift guides. Enjoy the video (in Italian only) and the reading!

Parole di Martha Bartalini per Blanc Mariclò
Words by Martha Bartalini for Blanc Mariclò

 

2

Lo shabby dalla A alla Z: il vocabolario dello stile firmato Blanc Mariclò (parte I)

Facciamo un gioco: ripassiamo insieme le lettere dell’alfabeto e associamo a ognuna di esse una caratteristica tipica dello stile Blanc Mariclò, lo shabby. Alla fine, avremo composto uno speciale vocabolario fatto di tendenze, accessori, colori, tessuti, atmosfere, tecniche decorative tipiche di un modo d’arredare luminoso, informale e neo romantico.

Let’s play a game: let’s go through the letters of the alphabet and associate each one with a typical characteristic of Blanc Mariclò’s shabby style. At the end, we’ll have put together a special Italian-English glossary of trends, accessories, colours, fabrics, atmospheres and decorative techniques typical of this light-filled, informal and neo-Romantic style of furnishing.

Inizia così una rubrica che, nell’arco di cinque appuntamenti periodici, vi permetterà di conoscere e apprezzare diversi aspetti del gusto Blanc Mariclò in maniera rapida e scherzosa. Partiamo dalle prime quattro lettere dell’alfabeto: A, B, C, D…

A come Abat-jour

B come Bianco

C come Cielo

D come Decapato

So this is the first of five quick and quirky appointments to help you discover and love various aspects of Blanc Mariclò style. Let’s start from the first four letters of the alphabet: A, B, C, D…

A is for Abat-jour or Table lamp

B is for Bianco or White

C is for Cielo or Canopy

D is for Decapato or Pickled

A questo primo gruppo di vocaboli – disponibile anche in formato scaricabile – se ne aggiungeranno altri fino ad arrivare alla Z, e quando il viaggio all’interno delle atmosfere di Blanc Mariclò sarà concluso, ognuno di voi avrà a disposizione un mini-vocabolario del tutto singolare: il vocabolario della lingua shabby firmato Blanc Mariclò. Basterà stamparlo per averlo sempre con voi, per leggerlo, rileggerlo, sfogliarlo assaporando ogni volta quella bellezza imperfetta, quella rivisitazione del vintage, quella dolcezza capace di dipingere i toni e lo stile di uno sogno shabby nato e realizzato in Toscana.

Andiamo a iniziare!

This first group of words – also available to download – will be joined by others, taking us to the letter Z, and when we get to the end of our journey through the range of Blanc Mariclò atmospheres, you’ll have your own very special mini Italian-English glossary: a dictionary of shabby style by Blanc Mariclò. All you need to do is print it out, so you can always have it by your side, to read once, twice, leaf through, each time savouring that imperfect beauty, that new twist on vintage, in the gentle shades and style of a shabby dream designed and made in Tuscany.

OK, let’s go!

A - abat jour

Abat-jour s. m., fr. (propr. “smorza-luce”): lampada composta da una base e da un paralume, di solito usata come punto luce sul comodino. La tendenza primavera-estate 2015 Blanc Mariclò la vuole con una base chiara, preferibilmente di color avorio, e un paralume dalle forme sinuose oppure ornato con volant e rouches, applicazioni a forma di cuore o di rosa, fiocchi che reggono e chiudono l’arricciatura dei modelli sfoderabili.

Abat-jour > Table lamp noun (from the French meaning “to soften the light”): lamp consisting of a base and a lampshade, usually used as a bedside lamp. In the Blanc Mariclò spring-summer 2015 collection they come with a light-coloured, preferably ivory base and a lampshade that can either be sleek, or decorated with frills and ruches, heart- or rose-shaped applications, or bows holding together the pleating on the removable models.

B - bianco

Bianco s. m., [uso sostantivato dell’agg.] (pl. –chi): colore principe dell’arredamento shabby, è utilizzato per dare nuova luce ad ambienti e arredi. Applicato a pareti, porte, infissi e travi, rende gli spazi più ampi e luminosi; usato per i mobili, rinnova l’aspetto dei pezzi vintage esaltandone la lavorazione con una patina di bellezza imperfetta, dona versatilità agli elementi nuovi rendendoli perfettamente abbinabili tanto ad arredi pre-esistenti quanto a diversi colori o fantasie di tendaggi e tappezzerie.

Bianco > White noun [adjective used as a noun] (pl. Whites): main colour of shabby furniture, it is used to add light to the rooms and furniture. When applied to walls, doors, window frames and beams, it makes the rooms bigger and fills them with light. When used on vintage furniture, it gives a new lease of life, bringing out the craftsmanship with a finish of imperfect beauty. On new furniture, it gives that touch of versatility to fit in perfectly with existing furniture and with different colours or patterns of drapes and upholstery.

C - Cielo

Cièlo s.m. [dal lat. caelum; in grafia tarda coelum]: espressione mutuata dal francese ciel de lit, nel linguaggio shabby indica quell’ornamento che, posizionato sopra la testata del letto, è capace di donare un’atmosfera romantica alla camera. Giusto compromesso fra l’imponenza di un baldacchino e la semplicità di una zanzariera, per il suo scarso ingombro risulta facilmente collocabile in qualsiasi ambiente dedicato al riposo notturno. Che sia di legno o di ferro battuto, che sia vintage o nuovo, un cièlo Blanc Mariclò resta un elemento decorativo indispensabile per chiunque desideri portare un tocco provencal-chic dentro casa.

Cièlo > Canopy noun [from the Latin caelum; later written as coelum]: expression borrowed from the French ciel de lit, in shabby language it indicates the ornament that is placed above the bedhead to give the bedroom a romantic atmosphere. The perfect compromise between the imposing framework of a four-poster bed and simple mosquito netting, it doesn’t take up much space and can be placed in bedrooms of all shapes and sizes. Whether it’s made of wood or wrought iron, vintage or new, a Blanc Mariclò canopy is a must-have for anyone who wants to bring a touch of Provençal chic to their home.

D - decapato

Decapato agg. [part. pass. di decapare, dal franc. décaper, propr. “togliere la copertura”]: effetto conferito ai mobili trattati con la tecnica decorativa della decapatura. Il procedimento, noto in Francia fin dai tempi di Luigi XV, veniva originariamente usato per proteggere il legno dall’aggressione dei tarli. Oggi, la decapatura è utilizzata per rinfrescare l’aspetto di vecchi mobili senza privarli del loro fascino retrò grazie a una finitura capace di portare allo scoperto parti di legno dopo la tinteggiatura di colore bianco, avorio o pastello. Impiegata per elementi d’arredo nuovi, essa regala anche a questi ultimi quel tocco d’imperfezione e di vissuto caratteristico dello shabbychic ideato dalla designer Rachel Ashwell alla fine degli anni ’80.

Decapato > Pickled adj. [from the French décaper, literally “to remove the cover”]: effect given to furniture treated with the pickling technique. The procedure, known in France since the times of Louis XV, was originally used to protect the wood against woodworm. Today, pickling is used to renew the appearance of old furniture without stripping it of its old-fashioned charm, thanks to a finish that leaves parts of the wood visible after being painted a white, ivory or pastel colour. When used on new furniture, it gives it that touch of imperfection and ageing typical of the shabby chic style invented by designer Rachel Ashwell at the end of the 1980s.

Parole di Martha Bartalini per Blanc Mariclò
Words by Martha Bartalini for Blanc Mariclò